logo unione europea logo governo italiano logo regione liguriaIl sito della Regione Liguria dedicato al mondo del lavoro

Il sito di Regione Liguria per il lavoro - Area Aziende

Martedì, 21 Aprile 2015

Le nuove politiche del biologico

Le nuove politiche del biologico

La riforma del biologico

La Commissione europea ha proposto il 24 marzo 2014 una riforma del Regolamento CE 834/2007, che modifica profondamente l’attuale regolamentazione comunitaria in relazione alla produzione e all’etichettatura dei prodotti biologici, con l’intento di accrescerne gli standard qualitativi e differenziarli da quelli dei prodotti convenzionali.

In attesa della ratifica definitiva della riforma, prevista per il 2017, la Commissione ha approvato un Piano d’azione per informare, rafforzare i legami tra i progetti di ricerca e innovazione dell’UE e la produzione biologica, incentivarne l’uso e aiutare agricoltori, produttori e dettaglianti. la Commissione si impegna a rivedere entro la fine del 2015 i criteri in materia di appalti pubblici "verdi" per il settore dei prodotti alimentari e dei servizi di ristorazione e a sviluppare materiale informativo specifico per illustrare come includere i requisiti dell'agricoltura biologica negli appalti pubblici.

La proposta di riforma del biologico si colloca all’interno di una serie di strumenti normativi e finanziari, che fanno a capo alla Politica Agricola Comune (PAC) europea e che sono stati predisposti per sostenere lo sviluppo agricolo e rurale e anche il settore biologico.

Il nuovo Quadro di Sviluppo rurale (II pilastro) propone una nuova misura specifica a sostegno dell'agricoltura biologica, sia per la conversione alle pratiche dell'agricoltura biologica sia per il mantenimento di tali pratiche: nell'ambito del programma finanziario pluriennale 2014-2020, l'obbligo imposto agli Stati membri di destinare un importo pari ad almeno il 30% dei finanziamenti ricevuti dal Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR) a ciascun programma di sviluppo rurale inerente alle misure ambientali e climatiche, comprese le misure in materia di agricoltura biologica, può servire a incoraggiare lo sviluppo del settore.

Per offrire informazioni e servizi nel miglior modo possibile,questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli vedi la privacy policy.