logo unione europea logo governo italiano logo regione liguriaIl sito della Regione Liguria dedicato al mondo del lavoro

Il sito di Regione Liguria per il lavoro - Area Aziende

Mercoledì, 17 Febbraio 2016

Regole più semplici e sostegno per il commercio ambulante

scorcio di Genova

Approvati una serie di provvedimenti in Giunta in direzione dell’abolizione del Durc: via alle modalità attuative per il rilascio della carta di esercizio

Commercio ambulante, nuovo passo in avanti verso l’abolizione del Durc. Dopo le modifiche al Testo unico, la Giunta ha approvato le modalità attuative per il rilascio della carta di esercizio.

Per tutti gli operatori del settore moduli semplici e omogenei in tutti i comuni della Liguria e stop a discrezionalità e lungaggini che a volte bloccano l'attività di chi, ogni giorno, si sposta da un angolo all'altro della Liguria.

Varate anche misure di supporto agli operatori commerciali su area pubblica, grazie all'approvazione del protocollo di intesa per l’attivazione di strumenti finanziari di sostegno: "La Regione Liguria, senza oneri di cassa – spiega l’assessore al commercio Edoardo Rixi - rende così accessibili le misure finanziarie messe a disposizione di Confidi con specifico plafond da 5,5 milioni di euro per i finanziamenti dagli istituti di credito convenzionati".

Delibere che arrivano dopo il chiarimento del Ministero per lo sviluppo economico che ha respinto l'impugnativa avanzata dal Comune di Genova contro le sanzioni agli abusivi, che secondo quanto prevede la Regione possono arrivare alla confisca della merce. "Il ministero ci ha dato ragione e ha dichiarato che il Comune non può esimersi dalla confisca della merce davanti a un abusivo - spiega Rixi - Sempre il ministero ha messo, nero su bianco, la scarsa utilità delle pene pecuniarie, per altro elevate, perché di solito l'abusivo, al momento del pignoramento, risulta nullatenente. Dispiace che alcuni comuni non abbiano compreso, o non abbiano voluto comprendere, la validità di questo provvedimento che se da un lato semplifica la vita alle imprese virtuose e incentiva a mettersi in regola, dall’altro vuole stroncare l'abusivismo commerciale che genera concorrenza sleale".

Per offrire informazioni e servizi nel miglior modo possibile,questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli vedi la privacy policy.