logo unione europea logo governo italiano logo regione liguria Il sito della Regione Liguria dedicato al mondo del lavoro

Il sito di Regione Liguria per il lavoro - Area Cittadino

Cittadinanza italiana

Al sito internet della Regione Liguria giungono numerose richieste di documentazione da parte di discendenti di Liguri residenti all’estero per rintracciare informazioni sui propri antenati e per ottenere la cittadinanza italiana. Per aiutare queste persone pubblichiamo alcune informazioni di carattere generale per avere un primo orientamento nella ricerca delle proprie radici italiane e dei certificati necessari per acquisire la cittadinanza italiana.
Come ottenere la cittadinanza italiana: normativa statale
Precisando che la normativa in materia è particolarmente complessa e che non è sufficiente essere discendenti di emigrati italiani, di fatto, ottenere i certificati di nascita dei propri avi è l’elemento necessario per ottenere la cittadinanza italiana e di conseguenza il passaporto italiano. La cittadinanza italiana è regolata dalla legge n.91 del 5 febbraio 1992 (Gazzetta ufficiale n.38 del 15 febbraio 1992) e dai relativi regolamenti di esecuzione, introdotti con dpr n.572 del 12 ottobre 1993 e dpr n.362 del 18 aprile 1994. Di seguito diamo in sintesi alcuni criteri per verificare se è effettivamente possibile, per chi sia interessato, acquisire la cittadinanza italiana:

  • il primo membro emigrato della famiglia, non importa se padre, nonno, bisnonno o trisavolo, deve essere stato ancora in possesso della cittadinanza italiana al momento della nascita dei figli
  • i figli devono essere nati in un Paese che conceda la cittadinanza per nascita
  • le donne italiane trasmettono la cittadinanza solo ai figli nati dopo il 1 gennaio 1948
  • fino al 27 aprile 1983 la moglie straniera di un cittadino italiano acquisiva di conseguenza la cittadinanza italiana; ciononostante, le spose dei cittadini italiani naturalizzatisi negli Stati Uniti prima del 19 settembre 1975 hanno perso la cittadinanza italiana ma possono riacquistarla su presentazione di apposita domanda. Se la naturalizzazione del marito è avvenuta dopo il 19 settembre 1975, la moglie non ha perso la cittadinanza e continua a trasmetterla ai figli

Per offrire informazioni e servizi nel miglior modo possibile,questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli vedi la privacy policy.