logo unione europea logo governo italiano logo regione liguria Il sito della Regione Liguria dedicato al mondo del lavoro

Il sito di Regione Liguria per il lavoro - Area Cittadino

1.5.1 Requisiti di accesso


Requisiti di accesso


1. Chi sono i destinatari delle misure della Garanzia Giovani?
Il target previsto dalla Garanzia Giovani riguarda i giovani compresi tra i quindici e ventinove anni di età, residenti nelle Regioni italiane e nella Provincia autonoma di Trento, che non siano impegnati in un’attività lavorativa, né inseriti in percorsi scolastici, universitari o formativi, nonché essere fruitori, nel frattempo, di misure di politiche attive del lavoro aventi l’obiettivo finale di facilitare l’inserimento dei giovani nel mondo del lavoro.
Al momento dell’accesso alla Garanzia Giovani, i giovani devono possedere, pena l’esclusione, i requisiti previsti dal Programma europeo.

  • Età compresa tra i 15 e i 29 anni, al momento dell’adesione e registrazione sul portale regionale (www.regione.liguria.it o www.iolavoroliguria.it/area-cittadino/cercare-lavoro/garanzia-giovani.html) o sul sito del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali (www.cliclavoro.gov.it); possono accedere al Programma i giovani che hanno compiuto il 15° anno e fino al giorno antecedente il compimento del 30° anno di età
  • Non aver in essere nessun contratto di lavoro
  • Non frequentare un regolare corso di studi secondari superiori, universitari o di formazione 


Il requisito dell’età sarà verificato a livello di funzionalità del sistema d’adesione sui portali dedicati alla Garanzia Giovani, mentre gli altri due requisiti devono essere dichiarati dal giovane, con autodichiarazione resa ai sensi del d.P.R. 445/2000, al momento della presa in carico e sottoscrizione del Patto di Servizio.
I requisiti d’inattività lavorativa o scolastica/formativa devono essere posseduti al momento dell’adesione o registrazione al Programma europeo e sono mantenuti durante tutto il percorso stabilito in sede di sottoscrizione del Patto di Servizio.

2. A quali misure possono aderire i giovani di 15 anni che non hanno assolto all'obbligo di istruzione?
I giovani che non hanno assolto l'obbligo di istruzione potranno aderire esclusivamente alle misure che consentono il conseguimento della qualifica professionale o diploma. La Garanzia Giovani in Liguria ha attivato per questa fascia di giovani le seguenti misure: orientamento specialistico o di II livello e reinserimento di giovani 15 – 18enni in percorsi formativi.

3. Chi ha assolto all'obbligo d'istruzione può partecipare a tutte le opportunità offerte Garanzia Giovani in Liguria?
Si, se ha compiuto 18 anni. I giovani di età compresa tra i 18 e i 29 anni possono accedere alle azioni previste per il Servizio Civile, mentre la formazione mirata all’inserimento lavorativo prevede un target compreso tra i 17 e i 29 anni.
I minori di età compresa tra i 15 e i 18 anni possono accedere esclusivamente ad opportunità per il conseguimento della qualifica o diploma professionale. 

4. Sono ammessi anche i lavoratori con un reddito inferiore a determinate soglie, stabilite dalla legge (8.000 euro all'anno per attività subordinate o parasubordinate, 4.800 euro per attività autonome)?
Fino al 01/02/2016 sono astati ammessi anche quei lavoratori precari che ai sensi del D.Lgs.181/00 mantenevano lo stato di disoccupazione pur percependo un reddito inferiore a determinate soglie.
 A partire dalla data del 01/02/2016 in applicazione del D.Lgs. 150/15 e della Circolare 34 del MInistero del Lavoro e delle politiche sociali sono ammessi al Programma solo coloro che risultano privi di impiego e immediatamente disponibili al lavoro. Quindi non sono più ammessi coloro che hanno un reddito da lavoro anche inferiore a determinate soglie (8.000 euro all'anno per attività subordinate o parasubordinate, 4.800 euro per attività autonome).

5. I giovani dovendo comprovare il proprio stato di disoccupazione sono obbligati a iscriversi al Centro per l’Impiego prima di aderire alla garanzia Giovani In Liguria?
No, vale l'autodichiarazione del giovane in fase di registrazione. Sarà invece necessario iscriversi al Centro per l’Impiego al momento della sottoscrizione del Patto di Servizio.

6. In caso di soggetti minorenni chi dovrebbe firmare il Patto di Servizio e il Piano di Azione Individuale?
L'età minima di ammissione al lavoro, ai sensi dell’art. 1, comma 622, Legge 296/2006, non può essere inferiore a 16 anni. Il minore che ha compiuto 16 anni può sottoscrivere in autonomia il contratto di lavoro senza l'assistenza di coloro che esercitano la potestà genitoriale e, quindi, anche il Patto di Servizio ed il Piano di Azione Individuale.

7. I cittadini stranieri possono partecipare alla garanzia Giovani?
La partecipazione alla Garanzia Giovani è rivolta ai giovani cittadini comunitari o stranieri extracomunitari (art. 18 del Trattato) residenti in Italia in possesso dei requisiti d’età e situazione personale in conformità alle disposizioni previste dal Programma europeo. La Commissione europea ha stabilito che la residenza è il luogo in cui la persona vive stabilmente e dimostrabile attraverso un documento, ad esempio un permesso di soggiorno, la registrazione nel comune, l’indirizzo permanente o prova equivalente. Pertanto non è possibile escludere i giovani NEET che detengono la cittadinanza di un altro stato membro o paese extracomunitario e che allo stesso tempo risiedono in una Regione italiana individuata nell’ambito del Programma europeo YEI (Youth EmploymentInitiative).

8. I rifugiati e i richiedenti asilo possono partecipare alla Garanzia Giovani?
La partecipazione al Programma europeo è rivolta pure ai giovani stranieri che abbiano conseguito lo status di migrante legale in conformità alle norme nazionali e comunitarie che consentono loro di partecipare al mercato del lavoro e, pertanto, in possesso di regolare permesso di soggiorno.
È opportuno ricordare che il diritto al lavoro può essere esercitato dal richiedente asilo solo dopo sei mesi di permanenza sul territorio nazionale senza che la decisione sulla domanda di asilo sia intervenuta, in altre parole, il cittadino straniero titolare di un permesso di soggiorno per richiesta d’asilo non può lavorare per i primi sei mesi.

9. Possono partecipare alla Garanzia Giovani gli studenti all’ultimo anno dei licei e degli istituti di istruzione secondaria superiore?
No, perché il Programma Garanzia Giovani è rivolto ai NEET di età compresa tra i 15 e i 29 anni, residenti in Italia non impegnati in un'attività lavorativa né inseriti in un percorso scolastico o formativo.

10. Possono partecipare alla Garanzia Giovani i giovani disoccupati iscritti all’Università?
No, perché il Programma Garanzia Giovani è rivolto ai NEET di età compresa tra i 15 e i 29 anni, residenti in Italia non impegnati in un'attività lavorativa né inseriti in un percorso scolastico o formativo.

11. Possono partecipare alla Garanzia Giovani i giovani disoccupati che seguono un corso di formazione?
No, perché il Programma Garanzia Giovani è rivolto ai NEET di età compresa tra i 15 e i 29 anni, residenti in Italia non impegnati in un'attività lavorativa né inseriti in un percorso scolastico o formativo.

12. Possono partecipare alla Garanzia Giovani i NEET che sono impegnati in un tirocinio o altra politica attiva nell’ambito del progetto Amva (Apprendistato e mestieri a vocazione artigianale)?
No, perché il Programma Garanzia Giovani è rivolto ai NEET di età compresa tra i 15 e i 29 anni, residenti in Italia non impegnati in un'attività lavorativa né inseriti in un percorso scolastico o formativo.

13. Possono partecipare alla Garanzia Giovani i giovani con contratti a progetto o contratti di collaborazione occasionale o stanno svolgendo un tirocinio?
No, perché il Programma Garanzia Giovani è rivolto ai NEET di età compresa tra i 15 e i 29 anni, residenti in Italia non impegnati in un'attività lavorativa né inseriti in un percorso scolastico o formativo.

14. Possono partecipare alla Garanzia Giovani i giovani che svolgono una attività nell’ambito del Servizio Civile?
No, perché il Servizio Civile è equiparabile a un’esperienza lavorativa.
Il Piano di Attuazione regionale della Garanzia Giovani in Liguria prevede, tra l’altro, azioni e misure volte a fornire, ai giovani dai 16 fino ai 29 anni, conoscenze sui settori d’intervento del Servizio Civile nazionale e regionale.

Per offrire informazioni e servizi nel miglior modo possibile,questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli vedi la privacy policy.