logo unione europea logo governo italiano logo regione liguria Il sito della Regione Liguria dedicato al mondo del lavoro

Il sito di Regione Liguria per il lavoro - Area Cittadino

Martedì, 06 Dicembre 2016

PON Metro - Genova alla sfida della riqualificazione urbana

PON Metro - Genova alla sfida della riqualificazione urbana

di Carlotta Gualco, direttrice del Centro in Europa

Genova è in movimento su diversi fronti della riqualificazione urbana. Scadrà il prossimo 15 dicembre il termine del concorso internazionale di idee per la riqualificazione delle aree dell’ex Fiera del mare di proprietà del Comune di Genova e di Spim, punto di partenza operativo del “Blueprint per Genova”, lo studio donato a Città di Genova, Regione Liguria e Autorità Portuale dall’architetto Renzo Piano e da Renzo Piano Building Workshop, che ridisegna la porzione di città che va da Porta Siberia a Punta SVoangon op.ronti a partire anche le azioni previste dalla proposta genovese al “Bando Periferie” del Governo, che dispone di una dote complessiva di 2,1 miliardi di euro per 120 città metropolitane e capoluogo e il Programma Operativo Nazionale riservato alle città metropolitane (PON Metro).
 - Il Bando Periferie è gestito in parte dalla città metropolitana di Genova e in parte dal Comune di Genova. Relativamente alla Città Metropolitana si vedano i link:
http://notizie.cittametropolitana.genova.it/2016/09/periferie-nella-citta-metropolitana-lariqualificazione-parte-dalle-scuole/
https://youtu.be/TEaNoj5V5oU

La presentazione del PON Metro è avvenuta lo scorso 9 novembre al Salone di Rappresentanza di Palazzo Tursi, dove il Sindaco Marco Doria ha ripercorso le tappe principali che hanno condotto al progetto di Genova.
Il programma, inserito nella fase 2014-2020 dei Fondi strutturali e di investimento europei è stato definito nel 2013, prima della nascita delle città metropolitane. Poiché il programma si rivolgeva alle "grandi città", inizialmente qualcuno interpretò nel senso che Genova non sarebbe allora rientrata nella programmazione del Programma Operativo Regionale per la Liguria, circostanza poi smentita. Il POR 2014-2020, infatti, contiene una Agenda urbana che include investimenti a Genova, La Spezia, Savona, Sanremo e Imperia sui seguenti obiettivi: innovazione digitale della pubblica Amministrazione, efficientamento energetico e riorganizzazione della mobilità, messa in sicurezza dei territori urbanizzati2.
Altre informazioni su:
http://www.regione.liguria.it/argomenti/vivere-elavorare-in-liguria/affari-e-fondi-europei/por-fesr-2014-2020/i-bandi-del-por-fesr-2014-2020/category/21-asse-6-citt%C3%A0-agendaurbana.html

Il PON Metro di Genova, la cui realizzazione si protrarrà fino alla fine del 2023, con una dotazione finanziaria complessiva di 37,770 milioni di euro, si incentra su obiettivi analoghi:

  • migliorare l’accesso alle tecnologie di informazione e comunicazione nonché il loro impiego e qualità;
  • sostenere la transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio in tutti i settori;
  • promuovere l’inclusione sociale e combattere la povertà e ogni discriminazione.

Dopo la nascita della Città metropolitana, il Comune di Genova ha deciso di estendere l’operatività del primo obiettivo – l’Agenda digitale – a tutti i Comuni del territorio metropolitano.
Gli assessori comunali hanno poi illustrato, ciascuno per la propria competenza, come saranno utilizzate in concreto le risorse del PON.

Isabella Lanzone ha declinato l’obiettivo Agenda digitale sul monitoraggio del rischio meteorologico e idrogeologico e su un sistema di gestione delle emergenze per condividere informazioni e azioni, in occasione di eventi rilevanti a fini di Protezione Civile, insieme a varie azioni destinate all’informatizzazione di procedure svolte dal Comune. Anna Maria Dagnino ha illustrato le azioni previste nell’area prescelta, e cioè la Val Bisagno, dove grazie al PON Metro saranno migliorate le mobilità pedonale e il trasporto pubblico locale e realizzata una pista ciclabile sulla sponda sinistra del Bisagno.
Sul versante energetico, sono previsti interventi di efficientamento energetico nella rete di illuminazione pubblica del Comune di Genova, in edifici a uso non residenziale del patrimonio pubblico del Comune di Genova e in immobili di edilizia residenziale pubblica di proprietà civica.
Sul tema dei servizi e delle infrastrutture per l’inclusione sociale, Emanuela Fracassi ha illustrato le azioni rivolte soprattutto all’obiettivo di rendere autonome le persone in stato di disagio, attraverso politiche per la casa e per lo sviluppo economico messe in atto coinvolgendo il terzo settore e le imprese.
Fracassi ha voluto rimarcare come la necessità di comparare, in termini di edilizia residenziale pubblica, l’approccio del Comune di Genova con quello di altre realtà europee ha di molto ampliato la visione dell’Assessorato alle Politiche Socio Sanitarie e della Casa.

La sfida principale connessa all’attuazione del PON Metro, ha rimarcato Marco Doria, sta nella capacità dell’Amministrazione comunale di operare in dimensione integrata tra diversi strumenti e livelli di governo, superando la complessità delle procedure, che ha comportato notevoli ritardi. Ma ora le condizioni per spendere bene le diverse risorse per la riqualificazione urbana ci sono e occorre quindi procedere.
Giorgio Martini, dirigente dell’Agenzia per la Coesione territoriale, che coordina l’attuazione del PON di concerto con le Città metropolitane beneficiarie, ha ricordato le opportunità derivanti dalla cooperazione tra città, come nel caso delle piattaforme su Agenda digitale e Servizi sociali cui prendono parte Genova, Milano e Torino.
Che cosa unisce i vari elementi del PON? si è chiesto l’assessore allo Sviluppo economico Emanuele Piazza. La chiave sta nel considerare l’innovazione (digitalizzazione, efficientamento energetico ecc.) e l’inclusione sociale quali strumenti integrati di un motore di crescita delle aree metropolitane, come avviene in molte città d’Europa.

Al Centro d’Informazione Europe Direct di Genova è demandata la responsabilità della comunicazione sul PON Metro Genova.
Sul sito del Programma http://www.comune.genova.it/ponmetro sono disponibili anche le presentazioni relative all’evento del 9 novembre 2016.

Per offrire informazioni e servizi nel miglior modo possibile,questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli vedi la privacy policy.