logo unione europea logo governo italiano logo regione liguria Il sito della Regione Liguria dedicato al mondo del lavoro

Il sito di Regione Liguria per il lavoro - Area Cittadino

Lunedì, 07 Novembre 2016

Il sistema duale tedesco

Il sistema duale tedesco

Il Progetto Erasmus BLUE con il Goethe Institut hanno organizzato la formazione per gli  operatori

Il Progetto Erasmus BLUE sul tema delle figure professionali della logistica portuale e volto a promuovere la mobilità dei giovani nei Paesi partner (Italia, Francia. Finlandia, Portogallo, Germania) ha offerto l’opportunità a insegnanti e operatori degli enti locali di approfondire la conoscenza del sistema duale tedesco grazie ad un soggiorno formativo ad Amburgo.

Altri argomenti di interesse sono stati la descrizione dell’organizzazione portuale e dei trasporti, particolarmente rilevante per l’economia della città, con visita guidata alle diverse strutture.

In programma anche visite e conferenze che hanno interessato i seguenti soggetti:

I partner del progetto Erasmus BLUE

  1. University of Turku - Finland
  2. Licée professionnel Germaine Poinso- Chapuis de Marseille - France
  3. Magellan Association Porto - Portugal
  4. Goethe Institut Germany
  5. Consorzio DIRBEC Italia
  6. Ufficio Scolastico Regionale 
  7. Regione Liguria
  8. Arsel Liguria

 Il sistema duale tedesco

E’ caratterizzato da un forte legame con il mondo del lavoro ed è scelto in modo volontaristico dal giovane che può decidere di continuare la sua formazione per i due - tre anni successivi, all’interno di questo sistema.

Si accede al sistema duale dall’età di 13 – 16 anni, alla fine di un percorso scolastico o a seguito di un’interruzione a qualsiasi livello.

Circa la metà degli studenti tedeschi sceglie questo tipo di formazione, al momento dell’accesso il 4% non possiede nessuna qualifica, il 33% è in uscita da una scuola secondaria di primo grado a carattere generale, il 43% da un livello scolastico intermedio (secondaria di secondo grado), il 21% ha una qualifica di accesso a formazione superiore universitaria. 

 La formazione pratica viene impartita dall’azienda che ha, fra il suo personale, la figura del tutor, a sua volta formato per svolgere questa funzione e controllato nel suo operato dalla Camera di Commercio.

 Le parti attive

Sono: il giovane, l’azienda, la scuola che è preposta a fornire la formazione teorica, il Governo e la Camera di Commercio.

 L’azienda conclude il contratto con il giovane, impartisce e controlla lo svolgimento della pratica in base a quanto contenuto nel piano di attività, con il suo personale qualificato insegna e assiste il giovane sul posto di lavoro, mette a disposizione i propri dipendenti per svolgere la prova di esame, partecipa al finanziamento del sistema duale.

 Le scuole di formazione sono pubbliche, specializzate nel settore della formazione professionale, il personale docente ha esperienze specifiche perché, a sua volta, ha fatto percorsi nel settore, controllano i risultati della formazione teorica, contribuiscono alla progressione del piano formativo, hanno incontri periodici con chi segue il giovane sul posto di lavoro, per affrontare e risolvere eventuali problemi.

 Il Governo ha stabilito, a livello centrale, con ordinamento specifico, la struttura del sistema duale (German Vocation Training Act) e regolamenta, per ogni professione, l’iter formativo valido su tutto il territorio nazionale, supervisiona e monitora con statistiche e studi i progressi del sistema.

 Le Camere di Commercio controllano se l’azienda è in grado di fornire i contenuti del piano formativo, accertano che i tutor siano adeguati al loro compito, controllano e registrano tutti i contratti di apprendistato, forniscono assistenza alle aziende e ai tirocinanti e fanno da mediatori nelle controversie, coordinano la comunicazione tra il tutor aziendale e gli insegnanti della scuola, organizzano le prove di esame, accertano l’esito positivo e rilasciano il certificato ufficiale.

 La cooperazione tra l’azienda con i suoi organi di governo (consiglio di amministrazione ecc.) e il consiglio di istituto della scuola prende il nome di LOK, Lernortkooperation e sorveglia la qualità della formazione, individua progetti comuni a cui lavorare, contribuisce all’organizzazione delle lezioni e all’avanzamento dei programmi.

 Il contratto

Fra l’azienda e il giovane viene stilato un contratto di apprendistato, approvato dalla Camera di Commercio, dove devono essere specificati:

  • il periodo di apprendistato: durata, inizio e fine, la durata in seguito può prevedere variazioni, in più o in meno, solo a determinate condizioni
  • l’impegno giornaliero
  • i giorni di ferie
  • i contenuti del tirocinio che vengono allegati al contratto come piano delle attività
  • la durata del periodo di prova
  • il termine ultimo del contratto viene sempre ben specificato in quanto il tirocinante viene protetto dal rischio di licenziamento dopo il periodo di prova
  • la retribuzione data al tirocinante in base ad accordi contrattuali collettivi

 Il funzionamento

Il periodo di attività in azienda può essere svolto secondo due modalità: settimanale: 3/4 giorni sul posto di lavoro e 1/2 a scuola oppure mensili, con il 70/80% delle giornate in azienda e il 20/30% a scuola

 L’esame

Si articola in prove scritte e orali/pratiche

La Commissione è formata da almeno 3 membri: un membro dell’associazione datoriale, un delegato sindacale e un insegnante della scuola

 I vantaggi del sistema

Per le aziende:

  • Offerte mirate in base alle proprie esigenze
  • Garanzia di competenze qualificate
  • Inserimento subito produttivo
  • Riduzione dei costi di selezione del personale
  • Immagine aziendale positiva

 Per lo Stato

  • Basso livello di disoccupazione (6,9 contro il 18,6 a livello europeo)
  • Riduzione dei costi della disoccupazione giovanile
  • Riduzione del budget per la formazione professionale

 Per il giovane

  • Orientamento finalizzato alla scelta
  • Opportunità di lavoro
  • Work experience durante la formazione
  • Percepimento di un salario garantito
  • Attestato valido a livello nazionale

 I numeri

  • 600.000 nuovi contratti ogni anno
  • 500.000 aziende offrono posizioni in apprendistato
  • 80% sono imprese piccole o medie
  • le aziende contribuiscono con 30 bn di euro, il Governo con 3 bn

 Vantaggi sociali

  • riduzione del numero dei drop out
  • inclusione portatori di handicap
  • integrazione dei rifugiati
  • permeabilità tra i sistemi con la possibilità di proseguire gli studi a livello superiore anche universitario

 Fonti:

Hamburg Institute For Vocational Education And Training

Appartiene al Ministero dell’istruzione e della formazione professionale di Amburgo, comprende tutte le scuole di formazione professionale comprese nel territorio della Città di Amburgo.

 La Camera di Commercio di Amburgo (Handelskammer Hamburg)

Protagonista del sistema duale, svolge anche il compito di pubblicizzare i posti vacanti nelle aziende disponibili ad offrire contratti di apprendistato per i giovani.

A cura di Elisabetta Garbarino, Silvia Dorigati, Paola Mainini - Servizio Monitoraggio e Analisi Arsel Liguria

Per offrire informazioni e servizi nel miglior modo possibile,questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli vedi la privacy policy.